• PrimaRiga

UN APERITIVO CON PRIMARIGA. GLI EDITORI: EDITRICE FIORENTINA, MATILDA EDITRICE, SCIENZA EXPRESS.


Intervistare editori differenti significa confrontarsi con pareri dissimili, spesso in contrapposizione fra loro ma sempre legittimi e ricchi di significato. Vi proponiamo il racconto che ci hanno fatto tre case editrici che quotidianamente investono energie per offrire cura e contenuti: Libreria Editrice Fiorentina, Matilda Editrice, Scienza Express.

Quanto contano gli orientamenti del mercato nelle scelte editoriali?

Libreria Editrice Fiorentina. Non so gli altri editori, ma per me poco perché ho un messaggio e non sono molto portato al commerciale, mi accontento di pareggiare i conti, ma il messaggio cristiano ed ecologico di trasformazione della società sono le cose che contano di più. Avendo previsto con largo anticipo questi temi il commercio arriva sempre dopo e sono altri che ne approfittano meglio. Matilda Editrice. Credo che contino molto ma una piccola casa editrice come la mia, non aspirando a grandi tirature, può permettersi di fare delle scelte coerenti solo con la linea editoriale. Scienza Express. Pubblicare libri è dialogare con una o più comunità di lettori. Si tratta di un dialogo a distanza, mediato dagli atomi della carta e dell’inchiostro, ma è pur sempre un dialogo tra i lettori e l’autore e l’editore. Non ascoltare e non “capire” il mercato è quasi come non pubblicare. Poi bisogna decidere cosa fare con gli esiti di quest’ascolto: un editore deve avere una propria visione, una propria linea e un messaggio da dare al pubblico (noi di Scienza Express l’abbiamo riassunto in un manifesto). Se se lo fa dettare dal mercato, risulta ondivago e poco efficace. Ma se non sa adattarlo a quello che il pubblico chiede, risulta muto.


Alcune case editrici non investono negli esordienti, voi come vi ponete con chi si approccia al libro per la prima volta?

Libreria Editrice Fiorentina. Dipende dall’argomento, dall’esperienza che propone chi scrive e dal modo come è presentata, per il resto non ci sono preclusioni. Matilda Editrice. Io sono felice di aver pubblicato molte/i esordienti che dopo hanno pubblicato molti altri libri con altre case editrici. Pubblicare esordienti poi ha il vantaggio di lavorare con persone che partecipano con molto entusiasmo alla promozione del libro. Scienza Express. I nostri autori sono quasi tutti scienziati, ricercatori, divulgatori e scrittori di scienza. A volte sono “navigati”, altre sono esordienti: li aiutiamo tutti a fare del loro testo, del loro manoscritto, il libro più aderente alle loro attese e a quelle del pubblico.


In che cosa la vostra casa editrice differisce dalle altre e perché un autore dovrebbe scegliere di inviarvi il proprio manoscritto? Libreria Editrice Fiorentina.

Differisce dalle altre nel senso che non è laica, cioè non pensa in primo luogo a contentare il mercato ma possibilmente a cambiare la mente di chi legge, ciò sia nel campo della filosofia di vita, che della filosofia della pratica che del rapporto fra persona e natura. Un autore scegli di inviarci il suo manoscritto se ha almeno due caratteristiche concomitanti: rientra nella nostra filosofia di proposta culturale che ha nella profezia di don Milani il suo punto forte. Matilda Editrice. Ho una linea editoriale, soprattutto rivolta ad infanzia e preadolescenza, all'interno della quale hanno molto peso l'intercultura e le tematiche d contrasto agli stereotipi di genere. Ci piace pubblicare libri che possano indurre un cambiamento. Scienza Express. Il nostro motto è “la scienza per tutti”. Cerchiamo di essere rigorosi (ma nessun editore direbbe mai che non cerca di esserlo) ma freschi e leggeri. Ci proponiamo di pubblicare libri che aiutino a capire il senso della scienza che, oggi, è una delle avventure più dinamiche e importanti delle nostre società, anche se molti non se ne accorgono ancora. Non c’è motivo che un autore ci invii il proprio manoscritto: siamo noi che andiamo, di libro in libro, a costruire un dialogo con li autori. Si contano sulla punta delle dita di una mano i libri che abbiamo pubblicato su proposta dell’autore.


Una volta selezionato un manoscritto, quale processo di editing segue? È affidato a un singolo editor o a più persone? Libreria Editrice Fiorentina.

A più persone per leggerlo e poi la leggo io, poi comincia il processo che passa dall’editing, messa in pagina, correzione... Matilda Editrice. Come dicevo la casa editrice è molto piccola e mi occupo da sola più o meno di tutto. Alcune amiche autrici mi danno una mano nella selezione e nella correzione delle bozze. Dell'editing in particolare me ne occupo io. Scienza Express. Un flusso molto standard, con alcune figure professionali dedite alle diverse revisioni redazionali (scientifiche e linguistiche).


Quali canali promozionali adotta la casa editrice per pubblicizzare un libro appena dato alle stampe? Libreria Editrice Fiorentina.

Spesso sono gli autori che lo presentano e poi i social network (Facebook). Matilda Editrice. Oramai per lo più i social network, Facebook e Instagram in particolare (Twitter, Youtube). A volte organizzo dei contest su Instagram. Conto molto sulla collaborazione di blogger che ricevono i libri, li recensiscono e ne parlano sui loro account social. Naturalmente poi c'è la promozione svolta dal distributore prima dell'uscita del libro. Scienza Express. La promozione in libreria, quella sui sociali (Instagram, Facebook, Twitter), le fiere (Salone del libro e Più libri più liberi) e alcune mirate campagne di lancio per dialogare con comunità specifiche (un nostro esempio tipo sono gli studenti che partecipano alle Olimpiadi di matematica).


Quale importanza riveste per la casa editrice la parte digitale? Alla pubblicazione cartacea segue sempre un e-book? Libreria Editrice Fiorentina.

Per ora mai. Matilda Editrice. Non sempre ma diversi libri hanno la versione e-book, soprattutto i romanzi per la fascia di età dagli 8 anni in su. Sicuramente non gli albi illustrati per i quali non considero idoneo l'e-book. Ho anche in catalogo alcuni libri solo in versione e-book. Scienza Express. Non pubblichiamo e-book. La loro penetrazione sul mercato non ci sembra così promettente, mentre viceversa il rapporto con la dimensione materiale del libro ci pare ancora un valore irrinunciabile.


In Italia ci sono sempre meno lettori, quali sono le problematiche nel mondo dell’editoria e che soluzioni si potrebbero individuare? Matilda Editrice. Promozione della lettura fin dalla primissima infanzia, sostegno alle biblioteche, stanziamento di fondi per le biblioteche scolastiche, sostegno ai progetti di diffusione della lettura specie nei quartieri a rischio di povertà educativa e a tutti quei progetti che comportano acquisto e diffusione di libri di qualità. Scienza Express. Non è vero che ci sono sempre meno lettori: anzi, mai come in questi anni si legge. Invece è vero che gli italiani leggono pochi libri. Sul fronte lettori serve un’azione politica a sostegno della lettura per diffondere buone pratiche tra bambini, ragazzi e adulti. Va incentivato l’esempio alla lettura, un lavoro mirato da parte della scuola, il coinvolgimento delle famiglie, la lettura ad alta voce. Sul fronte libri vanno favorite dinamiche che spingano a pubblicare molti meno titoli all’anno: la sovrapproduzione attuale porta ad avere moltissimi titoli che non vendono praticamente nemmeno una copia. È tutto “rumore” che non consente ai librai di lavorare con consapevolezza per distinguere il segnale buono. E in tutta questa confusione, è evidente che vincono le legittime leve commerciali sulle proposte che possono puntare solo sulla qualità. Sul fronte librai e editori va incentivato il lavoro di comunicazione attorno al libro perché un libro senza pubblico è come se non fosse tale.


È stata appena approvata la legge sul libro e la lettura che, tra le altre cose, prevede un abbassamento dal 15% al 5% del limite massimo di sconto applicabile a un libro da parte delle librerie. Qual è il vostro punto di vista?

Libreria Editrice Fiorentina.

Se fosse vero sempre sarebbe un’ottima cosa, ma l’eccezione del 25% per campagne di un mese se ruotano fra vari grossi editori rischiano di far saltare l’aspetto positivo della cosa che in Francia ha dato buoni risultati.

Matilda Editrice. Non ne sono particolarmente entusiasta. Comprendo le difficoltà delle librerie nel contrastare la concorrenza delle vendite online ma non credo che sia questo il modo di sostenerle. Gli utenti acquistano online anche per poter ricevere più in fretta libri che non trovano in libreria e che la libreria potrebbe procurarsi in tempi non così rapidi. Avrei ritenuto più importanti misure di sostegno all'acquisto. Scienza Express. Non servirà a nulla. Quanti sono le persone che entrate in libreria non comprano un libro una volta che ne scoprono il prezzo “troppo alto”? Quasi zero. Le ragioni del non acquisto in libreria sono altre: culturali (il libro è visto come intellettuale e lontano) e di costume (comprare online è più efficiente e comodo).


Qual è la vostra posizione sull’auto pubblicazione?

Libreria Editrice Fiorentina.

Non abbiamo posizione. Matilda Editrice. Siamo un paese in cui gli aspiranti scrittori sono molti di più dei lettori. Comprendo il desiderio di chiunque di vedere pubblicato il suo lavoro ma purtroppo i libri auto pubblicati sono in genere molto sciatti nell'impaginazione, nell'editing, nella grafica e quindi contribuiscono ad abbassare decisamente il livello generale. Scienza Express. Ambivalente. Naturalmente, apprezziamo che ci sia la massima possibilità di espressione creativa anche attraverso l’auto pubblicazione. D’altra parte, troppi libri arrivano sul mercato ed è sempre più debole la capacità di fare e proporre scelte da parte dell’editore: un editore può mettere molta qualità in un libro, rinunciarci significa, in genere, avere libri meno buoni. C’è ancora una certa ingenuità che fa confondere testo scritto da libro: per passare dall’uno all’altro in mezzo servono moltissimi passaggi di lavoro che fanno crescere un’opera. Tutto ciò nell’auto pubblicazione manca.


Quali anticipazioni potete farci sulle vostre prossime uscite?

Libreria Editrice Fiorentina.

Un libro a cura della fondazione di bioarchitettura La cura della Casa Comune per attuare la Laudato si’ e Pulire l’aria. La vergogna di volare. Matilda Editrice. Due novità: una delle due è un ritorno ad un tema che è stato molto importante per la mia casa editrice, l'adozione. In particolare si tratta di un racconto che narra in modo fantasioso l'incontro fra un bambino e i genitori. L'altro è un racconto per ragazze/i sulle Peshmerga Kurde. Mi hanno affascinato: giovani donne che lottano con forza e determinazione per la libertà e l'indipendenza del loro Paese. Scienza Express. Due titoli che affrontano due snodi importanti del rapporto tra scienza e società: Cambiamento climatico del giornalista scientifico Jacopo Pasotti e Algocrazia del professore in ingegneria e intelligenza artificiale Franco Zambonelli. Ma anche con un delizioso saggio divulgativo intitolato Il gatto di Tesla della fisica e ottima divulgatrice Monica Marelli; e con un saggio che spazia dall’Universo alla storia della nostra cultura dell’astrofisica Monica Colpi, Notte siriaca.



La redazione




Non perderti le nostre interviste.

Clicca qui e scopri tutti gli ospiti della rubrica
UN APERITIVO CON PRIMARIGA

linkedin.png

Via Sardegna 7, 25124

Brescia

Italia